Sfida al Kilimangiaro

 

Perché diavolo ho deciso di scalare la montagna più alta dell’Africa e – sopratutto – chi me l’ha fatto fare?

 

E che xxxxx ha a che fare questo con la crescita personale e professionale?

 

Tutto.

Ascolta il mio podcast, 10 minuti per 3 lezioni che, penso, possano essere molto molto utili.

 

 

 

Ci “ascoltiamo” di nuovo al mio ritorno…

max

 

p.s. Condividi dappertutto questo audiopost!


Max Formisano, fondatore della Max formisano Training, Presidente di One Minute Club e creatore della collana di libri 'Se Solo Potessi'

Do il consenso alla privacy



Leggi anche questi post:

52 Commenti a “Sfida al Kilimangiaro”

  • Sono sicuro che sarà una esperienza fantastica. Hai scelto un modo fantastico di passare le tue vacanze. Questo viaggio ti porterà in dono una infinità di emozioni, pensieri, immagini… di sicuro molto diverse dal solito. Tornerai più ricco, più centrato, più completo, e pronto più che mai a condividere con noi quello che avrai appreso e sperimentato. Un abbraccio, buon viaggio e buona vita!!!

    • Infatti ho con me il diario di bordo e se la sera non crollo…conto di metter giù emozioni e pensieri a ruota libera..grazie my friend!!

  • Grande Maaaaaaaaaaaax!!!
    Non ti ferma nessuno!!! ^_^
    1abbraccione a tutti, a te e a Miranda!
    Josè

  • Grande Max!!! Finalmente è arrivata questa sfida, vero??? :-)
    Buona scalata, buon divertimento e buoa uscita dalla zona di confort …. :-)
    Un caloroso saluto

    Marco Ferraro

  • Potresti oltre che scrivere registrare un audio e lasciarti andare a ruota libera.

    Così magari lo piazzi come upsell o special bonus a qualche corso…
    (che dici José, potrebbe funzionare? Con affiliazione mi raccomando…)

    Un abbraccio e una spinta sul culo (non troppo che dopo la gente pensa male).

    Davide Powercoach

    • giovanna:

      Ottima idea Davide, bonus SOLO per i partecipanti alla Experts University:-)

    • Infatti porto il mio super registratore mp3 per registrare i momenti di apprendimento più…cool!
      Poi però niente vendita (of course)…bonus? Si’ è un’idea…:” vuoi senitre Max col fiatone che smadonna Miranda e le grida “aspettamiiiiii” ? Clica qui:-)!!
      Comunque ci farò un bel post al mio ritorno!
      Ps la spinta la inoltrerò subito a Miranda:-)

  • filippo ow scarponi:

    ciao Max sono proprio contento di sentirti carico e di averti visto vincere la sfida con il viaggio. Poi come tu dici c’è l’impresa vera e propria quella che condividerai su questi e su altri schermi … e anche quella sono certo sarà estremamente bella ed emozionante. Ma accettare la sfide e vincerla al di là del risultato è già un eccellente motivo di grande soddisfazione: per te e, credimi, un po’ anche per me e per noi.
    Grazie di tutto, del grande insegnamento per le nostre sfide e … ti auguro grandissime emozioni!

    Fammi fare “la suocera”: ATTENTO AL MAL D’AFRICA, gran brutta bestia… chissà che non diventi una nuova sfida.

    Un abbraccione

    • E sì…oh.. magari resto lì…tanto che torno a fare qui..dove i miei amici invece di commentare il post mi chiamano tutti!! e io non rispondo se no oggi l’avrei passata al tel!!
      grazie Filippo, t’abbraccio
      mx

  • Miticoooooooo!!! L’hai fatto sul serio…
    Ottima come follia… ;-)
    Buona scalata e divertiti!
    Gianluca

    • E certo che l’ho fatto sul serio..lo avevo dichiarato prima a 100 persone a Catania..poi altrettante a Roma e così via..ormai..ero compromesso!

  • Francesca:

    Ciao Max,

    fantastica la lista delle cose da portare in viaggio!

    Io ne faccio sempre una (anche quando devo andare in una comoda città estera e non sul Kilimagiaro). La prossima volta metto sù il tuo audio e vado più rapida. :-)

    Buona scalata e un abbraccio anche a Miranda!

    Francy

    • Ovviamente la lista NON è fatta da me che nella mia lista avevo: “antimalaria, antitifo e maglioni pesanti”. Punto. Ecco diciamo che ho il talento della ..visione d’insieme…ehm… :-)

  • Uomo, vai e sali.
    E poi torna, non rimanere in Tanzania che abbiamo bisogno di te!.:)

    • Barba,
      torno presto..anche perché ho ancora la nostra registrazione da cui è nato il Kilimangiaro e siccome non è compromettente…penso proprio di pubblicarla al ritorno:-)

  • ..e questa ce l’avevi in mente da un po’, è arrivato il momento.
    E sono orgoglioso di te, come sempre.
    Saremo tutti lì con te, mandaci aggiornamenti grande Max!

  • “La pazzia, signore, se ne va a spasso per il mondo come il sole, e non c’è luogo in cui non risplenda.”
    Vedremo scendere e salire un sole particolarmente arancione, allora!!!
    Grandeeeeeeee che sei!

    Baci arancioni, Loretta

  • giovanna:

    Max ci mancherai, ma sono certa che questa esperienza ti ispirerà chissà quante idee belle:-)

    p.s. ma funzionerà WhatsApp sul Kili? :-) scheeeerzoooo!
    giovanna

  • Complimenti Max per la tenaccia.
    Tu pensa che la mia ultima impresa pazza è stata a marzo quando sono salito sul giacciaio della Marmolada 3343m dove ho passato la notte nel bivaco a -11° sotto zero. e vento da pauraaaa!!!!
    Puoi vedere le foto qui: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.3563079845354.2161265.1523601293&type=3
    La mia prossima impresa?
    Ho prenotato per agosto il lancio di bungee jumping da 60m. Se mi piacerà magari farò un pensiero per quello da 130m :P

    Quando sarai in Africa fai un esperimento.
    Se avrai la possibilità fai la prova dell’acqua.
    Se qui da noi ti metti a riempire una bottiglia con l’imbutto il vortice si crea in un senso, se lo fai nell’emisfero sud del globo l’acqua girerà nell’altro senso.
    Provare per credere :D

    Have a nice trip my friend :)
    Oliver

    • Belle foto…anche tu vedo che stai messo bene a capa fuori posto eh??
      Anche noi in cima saremo a -10 in tenda..sai che risate:-)
      se trovo l’imbuto lo farò:-)!!!
      Un abbraccio

  • Come vedi siamo tutti intorno a te… con lo spirito! Vai e torna, come al solito, vincitore.

  • Grande Max ti auguro un “ottima avventura sul kilimangiaro”
    Le montagne possono dare tanto in termini di crescita personale. Diversi anni fa (più di dieci ormai) ho fatto i 4000 metri in cordata. Quell’esperienza mi ha dato tanto in termini di consapevolezza di me stesso e delle sfide che da li a breve avrei affrontato. Fu un vero e proprio breakthrough nella crescita personale.

    Ad ogni modo ti auguro un'”ottima avventura” tornerrai di sicuro ancora piu forte di come sei.

    Buon viaggio

  • Caro Max complimenti,
    non vedo l’ora di conoscere il tuo resoconto su quello che sarà un fantastico viaggio.
    Occupandomi anche di Kenya, di safari e di viaggi mi sono soffermato su questo tuo audio.
    Interessante davvero.
    In bocca al lupo

    Roberto

  • Grande Max !! in bocca al lupo per questa nuova avventura, nei momenti duri pensa a Alex Bellini quando era solo in mezzo all’oceano con la tempesta, io lo faccio e funziona :-) fai belle foto e spero che avremo modo di rivederci presto.
    un abbraccio, Marco

  • Buon viaggio, oltre il confine della zona di comfort. :)

  • rosella:

    anch’io ti rinnovo la mia personale spinta a salire, un passo dopo l’altro!! sul poadcast: trovo che i tre punti siano un ottimo ennesimo punto di partenza per tutti, al solito. Ci scorgo davvero qualcosa di innovativo, con la sensazione che tu stesso ne abbia un’idea che diverra’ assai piu’ nitida e precisa affrontando l’esperienza. L’idea che per arrivare a superare se stessi, migliorarsi, sfidandosi, occorra realmente uscire da una zona di comfort che nemmeno riconosciamo piu’ (parlo per me). Talvolta (parlo sempre per me) stiamo credendo di fare qualcosa di diverso ed invece stiamo solo spostandoci da una zona confortevole ad un’altra. Ed intanto (parlo sempre per me) aumentano, si stratificano delle convinzioni che creano argini solidi alla zona di comfort, che diviene una sorta di roccaforte sempre piu’ difficile da scavalcare per uscire e respirare aria di rinnovamento, di crescita vera. L’idea che l’obiettivo si possa raggiungere in un modo del tutto inaspettato, modo che si rivela man mano che percorri la strada e facendo tutt’altro rispetto a cio’ su cui intendi migliorare, spiazza, eppure confido abbia una sua validita’. Sono certa che condividendo l’esperienza al tuo ritorno ne trarremo ulteriori insegnamenti e proprio su tale aspetto ritengo potrai donarci aspetti, sfumature che saranno cosi’ tante che gia’ sin d’ora spero le racchiuderai in un nuovo libro, appunto, differente:), dopo averle inglobate anche nella vita quotidiana. Mi affascina molto l’idea di una tua personale sfida che gravita attorno ad una tua area che vedi come limite (pigrizia…ed io ti comprendo bene), che forse ti sei reso conto essere di ostacolo, anziche’ andare a potenziare solo l’eccellenza, tanto da spiazzare quasi del tutto anche te stesso nell’aver deciso di sfidarla. Non ti nascondo che mi piacerebbe intervistarti e scrivere un articolo sulla tua impresa, a prescindere! Infine mi unisco al coro di Italo Pentimalli:)…alle falde del kilimangiaro…parapaponziponzipo’!!!!:)))))…un abbraccio, Ross

    • Assolutamente concordo:non so ciò che troverò lassù…anche perché come dicono nello “Zen e l’arte della motocicletta”: “l’unico zen che trovi in cima alla montagna è quello che porti con te”.
      Sono certo che non ho ancora idea di quello che comprenderò…ma comprenderò..e se no…va bene lo stesso!
      bacione
      mx

  • rosella:

    ..dimenticavo…complimenti anche per l’immagine che accompagna il post, pare di vedere la passione, caratterizzata tipicamente dal colore rosso che sfida la ragionevolezza, caratterizzata dal colore azzurro-blu. Molto bella, metafora della sfida.

  • Mamadou (II):

    Caro Max,

    Apprezzo i tre motivi forti per cui hai deciso di scalare la montagna più alta d’Africa, il KILIMANGIARO: uscita della zona di comfort il più possibile, trovare nuovi modi per raggiungere i tuoi obiettivi, il senso della sfida e applicare ciò che insegni. Visto che mi precederai li, ti voglio solo chiedere un favore: durante la tua scalata della montagna più alta d’Africa, dal livello più basso alla cima, dammi un occhiata da coach eccellente sulle diverse sfide nel Continente Nero, che desidero affrontare entro il 2020.

    Meraviglioso viaggio e meraviglioso soggiorno in Africa!

    Mamadou Sene II

  • roberta:

    Ciao Max,
    il mio è un augurio è che comunque vada il tuo viaggio sia una bella esperienza :-)
    Sei grandeeeee!!!!!!

    • mmm…dai lo ammetto fino ad ora non è stato difficile..mi sono allenato un po’ e ho prenotato il viaggio e comprato roba…vediamo che succede da sabato….comunque grazie!

  • Fiorenza:

    un grande percorso quello che ti aspetta in Africa, la sfida sarà arricchita da paesaggi che ti rimarranno per sempre nel cuore
    provare a te stesso come dici sempre tu che se sei centrato sul tuo focus …….ci arrivi!
    ovviamente torna che qui le albicocche non possono stare senza te….;-)

  • Sei sempre nei nostri cuori :-) !!!

  • Max ti è capitato mai prendere decisione affrettata(molto impulsiva, fatta quasi per dispetto) e poi capisci che con questa scelta forse hai ferito le persone a quale volevi e vuoi bene e stimi molto e forse non potrai tornare indietro. Tu cosa fai? che consiglio puoi dare??? Grazie

    • Certo..a chi non è capitato?

      Solo 3 cose da fare;
      1) “Perdonami ho sbagliato”
      2) “Come posso rimediare?”
      3) Rimediare

      Funziona se lo fai col cuore.
      mx

  • Grazie per la risposta! Ero convinta che si puo rimediare, adesso devo far capire a questa persona che e possibile.Ma sara difficile perche lui è convinto che se si prendi una decisione non puoi tornare indietro se anche hai sbagliato per rispetto verso se stesso e verso chi hai sbagliato….. ci puo stare se non mi accorgevo che per la scelta affrettata nel passato non vedo passione negli occhi che aveva prima, nelle scelte, nella vita. Mi accorgo che lui manca una squadra, un leader,la formazione,clienti….
    p.s. sei Formatore numero “1”

  • Ciao Max!
    Ottima scelta quella di scalare il Killimangiaro, le conoscenze per farlo non ti mancano.
    La respirazione che adotti nelle Camminata Terapeutica al Semidigiuno ti darà una grossa mano e farà la differenza rispetto ai tuoi compagni di viaggio, ma so che, data la tua bontà d’animo, la insegnerai a tutti per agevolare questa esperienza a chiunque assieme a te sarà in questo spettacolare posto.
    Dire che tornerai meglio di prima è superfluo anche perché ci vuole poco!!!! :-))))
    Intanto io mi sono iscritto al corso webinair che proponi e spero prato di poterti seguire di persona in uno dei tuoi corsi.
    Tutto quello che fai lo fai con il cuore e lo si percepisce. Bravo!
    Ti abbraccio con il cuore caro amico e….mi sembra che ci si vedrà anche al Semidigiuno o sbaglio??

    Giovanni Castellani

  • Ciao da imprenditore ti direi ” …………………..ma che ci guadagni ? Chi te lo fa fare ?

    Col cuore ti auguro di divertitirti e di vivere ogni momento di questa avventura !
    PS amo viaggiare moltissimo mi piacerebbe vedere delle foto se avrai il tempo e la voglia di farle . Ciao PF

  • […] A luglio del 2012 ho scalato il Kilimangiaro, io che sono uno sportivo “per caso”, o meglio “spintaneo”, e che prima di allora avevo scalato solo una piccola collinetta. […]

Lascia un Commento