Foto Max FormisanoCHI SONO IO

MA SOPRATTUTTO…

CHI SEI TU?

 

“Nel mondo di oggi un principio governa tutti gli altri: chi ha più opzioni ha più potere.

Non aspettare di aver bisogno di opzioni per cercarle”.

Tim Ferris – autore del best seller “4 ore a settimana”

 

Qui Max Formisano.

 

OGNUNO VIVE SECONDO LA STORIA CHE SI E’ SCELTO.

 

Io voglio far penetrare questa frase nell’inconscio della maggior parte delle persone. Tutto qui.

Gli obiettivi della maggior parte delle persone riguardano qualcosa che già sanno fare … e così non si migliora! E chi non migliora, peggiora.

 

Questo blog è costruito interamente su un singolo concetto fulcro:

 

Più vuoi avere risultati e più devi crescere tu, come persona e professionista, sulla scala della vita.

 

Per questo la domanda del titolo è “chi sei tu?” ,“cosa cerchi?”. Qui non troverai  approcci “band-aid”,  cerotti   da applicare su grandi ferite ancora aperte, tappabuchi, zucchero filato.

Insomma:  non puoi assumere persone che facciano le flessioni al posto tuo.  Sei TU che devi crescere sulla scala della vita, affinché i problemi restino tali solo per chi non è voluto passare ad un livello superiore.

 

La legge della conservazione dell’Energia, di Newton, dice:  “un corpo immobile rimane immobile. E un corpo in movimento rimane in movimento”.

E’ più facile continuare a fare quello che si fa, che cambiare direzione.

Ma per colpa dell’inazione,le esperienze che dovrebbero insegnare diventano coazioni a ripetere gli errori nel tempo, i brutti rapporti diventano brutte relazioni e una professione sbagliata  diventa una  lunga pena detentiva. Il non decidere non porta, negli anni, miglioramenti a situazioni scomode. Anzi.

 

Ed ecco perché sono qui.  Lo scopo di ciò che scrivo è fare davvero la differenza nella vita dei miei lettori.

Iscriviti agli aggiornamenti automatici dei miei post cliccando qui o sul bottone arancione sulla destra o in fondo a tutto.

 

Fare formazione è la cosa in cui riesco meglio, che mi appassiona maggiormente, che mi permette di realizzare la mia missione a pieno, eccola:

“crescere, divertirmi e, nel fare questo, supportare gli altri”.

 

Dimenticavo: regole del blog, essenzialmente una. Puoi dire ciò che vuoi, nella maniera corretta. E se i tuoi fini partecipativi non sono etici, ce ne accorgiamo.

 

Ora sono pronto a dirti di me.

Classe 1970, unico della mia famiglia (che è di origini salernitane) ad essere nato nella solare e stupenda città di Bari, che vanta il lungomare più bello del pianeta, mi laureo lì in Giurisprudenza e poi finalmente parto per Roma per intraprendere la strada della formazione a metà degli anni ’90.

 

Il mio primo amore è il giornalismo e nel ‘92 raggiungo il primo traguardo professionale importante: mi iscrivo all’ordine dei giornalisti pubblicisti dopo 2 anni di praticantato e attualmente sono a circa 20 di iscrizione. Ma dopo un paio di anni incontro la Programmazione Neuro Linguistica, scopro su me stesso i benefici della crescita personale e professionale e “tradisco” il primo amore per questo secondo, duraturo e intenso amore: “strategie e mentalità per guidare la mia vita e vivere la vita che merito”.

 

Come si fa a non restare per tutta la vita un fan di questo particolare “settore” che ti permette letteralmente di abbandonare tutti i limiti che la cultura ci ha imposto e vivere nella versione migliore di noi stessi? E’ fattibile, è credibile, è possibile. Devi sentire che è possibile. Devi vedere che è possibile. Devi credere che è possibile. Devi dirti che è possibile. Perché lo è. Con un po’ di coraggio e la giusta umiltà, ognuno può guidare la propria vita verso la direzione che merita.

 

All’estero e in Italia seguo un bel po’ di  corsi e master, la solita trafila di noi formatori: da Robbins a Bandler, da Grinder a Covey e così via. E studio come un pazzo…creo le mie tecniche, le provo, le confronto, le schematizzo e le semplifico (la mia abilità specialeJ), le rendo  più funzionali, le riprovo, le insegno. La cosa piace perché crea Valore aggiunto alle persone. Insomma: il pubblico apprezza.

 

Lavoro come free-lance per molti anni, nel 2001 creo la prima edizione del Master Formazione Formatori, e nel 2003 nasce la “Max Formisano Training Coaching & Consulting” (se ti dicessi quanti si sono ispirati al mio brand…) . Nel tempo do vita ad una vera e propria palestra di formatori che usano la mia metodologia “maximum training®” e lavorano con me sia nelle aziende che nei corsi aperti al pubblico. Ci specializziamo in alcune aree, dal parlare in pubblico al coaching, dalla vendita alla relazione efficace, dall’autostima alla leadership e ovviamente quella per cui siamo riconosciuti come i numeri 1: la formazione dei formatori.

 

Quando la stragrande maggioranza delle aziende del mio settore hanno nel loro “nome” due se non addirittura 3 delle parole “training, coaching , consulting”, noi cambiamo nuovamente diventando “Max Formisano Training – scuola per formatori eccellenti” , preferendo la specializzazione.

Infatti iniziano a chiamarmi  “il formatore dei formatori” perché dalle aule dei miei Master Formazione Formatori sono venuti fuori molti dei nomi oggi conosciuti nel mondo della formazione sulla crescita personale ma anche in tanti settori completamente diversi da questo.

 

Pubblico nel maggio 2010 il mio primo, sudato, intenso e straordinario libro: “Se solo potessi9 domande che cambieranno la tua vita”, edito da Franco Angeli, con prefazione del “guru” del management americano , Stephen M.R. Covey, con cui ho un rapporto di amicizia che mi insegna tantissimo.

A soli 7 giorni dalla sua uscita, il libro ha conquistato la cima delle classifiche di settore, restandoci per mesi. La rivista “Millionaire” lo definisce “un piccolo caso editoriale”. Numero uno su Ibs, la libreria online più grande d’Italia.

 

Adoro: leggere romanzi di avventura, spionaggio e tanta, tanta crescita personale e professionale. Fare marketing con strategie innovative, andare al cinema e vedere 2 film di seguito, giocare a ping pong se trovo uno bravo, andare alla Feltrinelli per essere sopraffatto dalla sindrome di Maxhal, passeggiare nel centro di Roma e di Bari, viaggiare in treno da solo (telefono chiuso e libro aperto), studiare l’internet marketing italiano e americano e poi, ciò che piace al 99% della popolazione maschile: guardare il tramonto in riva al mare.

 

Avvertenze: nei miei corsi dico parolacce (ma ridendo), pretendo e faccio in modo che le persone si divertano perché così deve essere, non mi prendo  troppo sul serio né amo chi lo fa, il mio stile formativo non assomiglia a nessuno che puoi aver visto nel mondo, se non a me stesso. Ho valorizzato nel tempo i miei punti di forza fino a farli diventare aree di eccellenza.

 

C’è forse qualcosa di più importante che vivere  più appassionatamente, diventare qualcosa di più e trasformarsi nella miglior versione di noi stessi?

 

Max Formisano